I soggetti economici dello sviluppo

L’Italia è ancora al 2° posto in Europa per valore della produzione manifatturiera. I sette anni di crisi hanno però lasciato il segno: il manifatturiero, che valeva il 17,6% del valore aggiunto totale nel 2008, nel 2014 si è attestato sul 15,6%. Nell’intervallo 2008-2013 si è ridotto del 13,5%, cioè di 30,4 miliardi di euro, […]

Continue reading…

 

Gli italiani a tavola: tornano le differenze di ceto

Addio buona tavola: sempre meno italiani mangiano carne, pesce, frutta e verdura. Sono 16,6 milioni gli italiani che nell’ultimo anno hanno ridotto il consumo di carne, secondo una indagine del Censis. E 10,6 milioni hanno diminuito il consumo di pesce, 3,6 milioni la frutta e 3,5 milioni la verdura. Con il minore consumo degli alimenti […]

Continue reading…

 

Consumi: uno su tre chiede avanzi al ristorante, c’è legge

Più di un italiano su tre (36%) quando esce dal ristorante porta a casa almeno talvolta gli avanzi con la cosiddetta “family bag”, ma una percentuale del 22% ritiene invece che sia da maleducati, da poveracci e volgare o si vergogna comunque a richiederla mentre il 18% degli italiani non lascia alcun avanzo quando va […]

Continue reading…

 

Lavoro: l’Italia punta su profili qualificati, +5% nel 2020

Due persone su cinque che troveranno lavoro entro il 2020 avranno una qualifica elevata, il 5% in più rispetto al 2016. Il fabbisogno di figure intermedie calerà, invece, di due punti percentuali portandosi al 31% della domanda totale, mentre resterà stabile al 27% la richiesta di professioni non qualificate. Sono le previsioni messe a punto […]

Continue reading…

 

Artigiani: 2500 imprese in più tra aprile e giugno. Prosegue la ripresa

Oltre 2.500 imprese artigiane in più in Italia nel secondo trimestre dell’anno. Tra aprile e giugno lo stock delle imprese è aumentato di 2.520 unità, pari ad un tasso di crescita dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e in miglioramento rispetto al corrispondente periodo degli ultimi tre anni. A fronte di questo risultato, il secondo […]

Continue reading…

 

Crisi: speculazione su grano rovina 300mila aziende

Le speculazioni che si spostano dalle banche ai metalli preziosi come l’oro fino ai prodotti agricoli hanno fatto crollare il prezzo del grano su valori che sono inferiori a quelli di 30 anni fa provocando una crisi senza precedenti. E’ quanto emerge dal Dossier preparato dalla Coldiretti per la “guerra del grano” con il blitz […]

Continue reading…

 

Per favorire la crescita serve un mercato del lavoro più inclusivo

Il Pil per abitante del Mezzogiorno è ancora molto lontano da quello del Centro-Nord: 17.600 euro contro 31.200 euro. Dopo l’inizio della crisi, tra il 2009 e il 2014 il Pil pro-capite al Sud è diminuito del 7,6%. Il Pil per occupato, invece, nel medio periodo ha dimostrato una maggiore capacità di tenuta: -0,3% tra […]

Continue reading…

 

Nella crisi gli italiani hanno riscoperto il valore della solidarietà

I primi diecidestinatari del 5 per mille 2014, indicati da 3,4 milioni di contribuenti, hanno raccolto complessivamente 132,3 milioni di euro, con un valore medio di 39 euro per destinazione. È quanto emerge da una elaborazione del Censis diffusa oggi. In vista della scadenza per la presentazione delle dichiarazioni dei redditi, in questi giorni è […]

Continue reading…

 

Allarme deflazione nei campi, da -30% grano a -41% arance

​Crollano i prezzi nelle campagne italiane, dal -30 % per il grano duro al -31% per cento dei pomodori in serra fino al -41% per le arance, rispetto all’anno scorso, ma la situazione è precipitata anche nelle stalle italiane con i compensi agli allevatori che non coprono più neanche i costi dell’alimentazione del bestiame. E’ […]

Continue reading…